Calendario dell’Avvento (Vanity Space & Bioalchemilla)

Buongiorno a tutti! Mi riallaccio all’ultimo post degli esauriti per parlarvi del mio autoregalo di natale! Qualcuna di voi sa già di cosa si tratta, su IG ho messo diverse foto per tutta la durata del mese di Dicembre! Non so per quale colpo di cu… ehm fortuna, sono riuscita ad aggiudicarmi uno degli ambitissimi calendari dell’avvento del gruppo Vanity Space in collaborazione con il sito Bioalchemilla e alcuni brand speciali! I requisiti per poterselo aggiudicare erano pochi e semplici: in primis la velocità di prenotazione dato che i calendari erano solamente 200 (e in Vanity siamo oltre 20.000 persone!!), poi postare le foto dello spacchettamento ogni giorno sui social taggando le varie aziende e relativo prodotto. La mia velocità è stata farlocca come il mio ginocchio e sono arrivata tipo 202! La dea bendata mi ha assistito e ha fatto in modo che alcune ragazze rinunciassero e che la lista proseguisse!

Volete vedere la meraviglia? Eccovi giorno per giorno ogni pacchetto!

Bello vero? All’interno del calendario c’era di tutto: scrub, crema mani, crema viso, shampoo, balsamo, maschera capelli, maschera viso, acqua micellare, make-up, detergenti… insomma una meraviglia! Non ho ancora iniziato ad utilizzare nulla, dato che le mie scorte sono praticamente infinite, ma non vedo l’ora di provare tutto anche perchè ci sono brand che non ho mai usato prima e sono molto curiosa!!

C’è qualche vanityna tra di voi? Qualcuna che è riuscita ad avere il calendario?

Ora che vi ho fatto invogliare per bene, vi lascio un bacione e vi aspetto al prossimo post!

Annunci

Equilibra: scrub corpo nutriente zuccherino

Miei cari zuccherini bentornati!

Oggi vorrei raccontarvi di un prodotto che amo e odio allo stesso tempo! Sinceramente non so come sia possibile, di solito non ho mezze misure ma in questo caso sono un po’ combattuta! Non so se a voi è mai capitato..

Allora.. il prodotto in questione è: *rullo di tamburi* lo scrub zuccherino di Equilibra

INCI: Helianthus Annuus (Sunflower) Seed Oil, Sodium Chloride, Prunus Amygdalus Dulcis (Sweet Almond) Oil, Hydrogenated Castor Oil, Sucrose, Talc, Parfume (Fragrance), BHA, Squalene, Beta-Sitosterol, Tocopherol, Aloe Barbadensis Leaf Extract (Aloe Barbadensis Leaf Extract).

Si presenta in un vaso da 1/2 kg che potrebbe portare a pensare “che figata! Mi durerà tantissimo!!”. Poi si apre il barattolo e si resta incantati dal profumo (sembra davvero zucchero) e dalla consistenza (granelli piccolissimi e compattati in una pasta zuccherosa). E ora arriva il bello.. come si applica? Non sono solita leggere le istruzioni (shame.. *dling-dling*) e ovviamente non le ho lette in questo caso pensando che fosse uno scrub come gli altri da applicare sulla pelle umida. Quindi vado in doccia, e dopo aver bagnato la pelle applico il prodotto.. che fa una strana reazione e diventa talmente oleoso da farmi sentire come un’anatra nello stagno con le piume asciutte dopo il bagno! Più strofino e più l’acqua scivola via.. sono disperata e provo in ogni modo di togliere quella bruttissima sensazione! Dopo non so quanto bagnoschiuma e acqua bollente, la mia pelle torna normale e io giuro solennemente di non utilizzarlo più..

Qualche giorno fa invece riprendo il vaso in mano e per curiosità leggo l’etichetta: “Applicare sulla pelle del corpo asciutta e massaggiare delicatamente. La base burrosa consente di massaggiare a lungo il prodotto senza irritare la pelle.
Asportare il prodotto con abbondante acqua tiepida e il docciaschiuma abituale.

Pelle asciutta… fuck! Ecco dove avevo sbagliato! Perfetto, la colpa è stata mia e non del prodotto (scusami caro scrub!!). Allora diventa necessario e d’obbligo riprovare e dargli una seconda chance! Prelevo una quantità di prodotto sufficiente (ammetto di essere stata un po’ terrorizzata dall’effetto anatra, quindi forse non ho esagerato con le dosi!!) e la spalmo su tutto il corpo mentre sono nella doccia ma a pelle asciutta. Non tralascio niente, gomiti, talloni, gambe, braccia.. Poi voglio esagerare, prendo il guanto kessa e inizio il massaggio eliminando il primo strato di pelle come solo un Bolton saprebbe fare!! 😀

Ora è il momento del risciacquo.. tremo al pensiero.. ok apro l’acqua e sempre dotata di guanto elimino lo scrub.. che diventa oleoso e fa scivolare via l’acqua! Fuck the duck effect!! Inizio a spazientirmi.. prendo la konjac corpo e passo il bagnodoccia, l’effetto pelle di foca si attenua, la pelle rimane lievemente oleosa, ma non è più sgradevole come la prima volta! Esco dalla doccia, mi asciugo.. la senzazione di avere un panetto di burro spalmato sul corpo sparisce e rimane solo l’idratazione! Non ho avuto bisogno di mettere la crema! Vi giuro, non ci credevo! Da quel momento in poi, una volta alla settimana è diventato una super coccola e ve lo stra consiglio!!

Vediamo insieme gli ingredienti funzionali:

SALE MARINO: rimuove le cellule morte e leviga gli ispessimenti cutanei

ZUCCHERO DI CANNA: delicatamente esfoliante

OLIO DI ALOE VERA: lenitivo, emolliente e tonificante

OLIO DI MANDORLE: protettivo ed emolliente

VITAMINA E: antiossidante naturale

Sul sito di Equilibra consigliano di utilizzarlo in combo con il Fango termale per un ulteriore efficacia contro la cellulite!

Per un trattamento extra applicare Equilibra® Fango termale cellulite sullo scrub prima del risciacquo, massaggiare i due prodotti insieme e lasciare in posa per qualche minuto. Al termine risciacquare.

Proverò anche questo e poi vi saprò dire!!

Gli Esauriti – Novembre 2016

Buongiorno bei tortellini!

Un altro mese è finito e ci stiamo avvicinando inesorabilmente alla fine di questo anno bisesto e funesto. Con l’esaurimento del mese, si esauriscono anche i prodotti (oltre che la vostra Kate che ha tanto bisogno di ferie!!!):

img_20161129_225017

Mi ritengo abbastanza soddisfatta dell’esaurimento di questo mese, anche perché dal 1° di dicembre inizierò lo spacchettamento del calendario di Vanity Space e non avete idea di quanto io sia curiosa!! Troverete tutti i post su Instagram @katebeautycase!

Ma torniamo a noi! In questo caos primordiale si intravedono i seguenti prodotti:

  • dischetti Conad formato maxi e piccoli
  • Dr. Organic – shampoo manuka honey: trovate la recensione qui
  • Dr. Taffi – gocce di Eufrasia: un must have assoluto!! Recensito qui
  • Yves Rocher – crema mani ai frutti neri: profumo delizioso ma idratazione che lasciava a desiderare.. era una limited edition.. meglio così!
  • L’etat libre d’orange – Putain des Palace: signore mie, questo è IL profumo per eccellenza! Peccato il rene speso per averlo.. ve ne avevo parlato qui
  • L’estetista cinica – bagnoschiuma la schiuma del cuore: limited edition con proventi devoluti interamente alle popolazioni terremotate. Forse l’estetista non è poi così cinica! 😀
  • Mil Mil linea Delice doposole: linea bio della famosa Mil Mil, questo dopo sole profumatissimo mi era stato regalato al Cosmoprof e ho iniziato ad utilizzarlo in ferie, ma dato che sono durate solo una settimana, mi sono ritrovata sulla groppa un casino di roba da finire.. terminare un doposole a novembre non è male! Comunque, idrata a lungo, non unge e non ha praticamente profumo, ottimo anche per gli ometti!
  • Zuccari – aloe micellare: bella collaborazione con il brand Zuccari recensita qui
  • Nouba – Mascarone: nome accattivante per un discreto prodotto! Mi sono trovata abbastanza bene con questo mascara, non bio ma che ha fatto il suo dovere!
  • Domus Olea – crema gambe Drena Lift: recensita di fresco qui
  • Body boom – coffee scrub: ennesimo rimasuglio di una fiera che mi guardava con gli occhioni del famoso gatto di Shrek, ho dovuto usarlo! Il profumo di caffè è molto intenso (alla Naturaequa per capirci) ma non è liquido anzi è bello granuloso. Se volete farvi del male usate il guanto kessa che vi asporterà il 200% delle cellule morte e anche quelle vive! Se capissi chi lo vende, potrei anche ricomprarlo!
  • Naturaequa – bagnodoccia millevoglie: regalo del Sana e recensito qui
  • Madara BB nude (soft beige) e tinting fluyd (rosa beige): non appena terminerò il mio fondo Purobio, questo sarà il nuovo acquisto! Leggero e lievemente coprente, ma se avete imperfezioni, brufoletti o volete una cosa che copra, questo non fa per voi!

Gioie mie ci esauriamo tra 30 giorni! A presto!

Arangara Sapone Nero – Nero Lissia

Buongiorno miei bellissimi raggi (infuocati visto il caldo) di sole!

Oggi vi vorrei raccontare la storia di un prodotto che viene da lontano.. Chiudete gli occhi e immaginate uno scenario da 1001 notte!! Ecco.. magari ora riapriteli se no non riuscite a leggere!! 😛

Dicevo.. minareti.. case bianche e basse.. negozi di tappeti (volanti e non) e hammam..

Qui potete lasciarvi coccolare da un trattamente speciale per la vostra pelle: il gommage con il sapone nero e il guanto Kessa.

Purtroppo non è sempre possibile prendere un volo per il Marocco una volta al mese per fare uno scrub completo.. e noi poveri mortali dobbiamo rimediare con altri metodi: NERO LISSIA di Arangara in combo con il guanto Kessa!

678_0_5158152_661508

Io faccio questo trattamento una volta ogni 4 settimane, quando tolgo il cerotto, così posso tranquillamente usare il guanto su tutto il corpo senza il timore che si possa staccare! La pelle dopo è talmente morbida e liscia che sguscerete via come anguille!! Mi raccomando però, dopo aver usato il sapone nero, idratate la pelle con una crema molto emolliente!!! Io ho utilizzato quella della Cimpi (qui la recensione) e mi sono trovata divinamente!!

Kessa-guanto-esfoliante-Hammam-ERBE-DI-JANAS

Il guanto Kessa lo trovate nei migliori E-commerce online, il mio l’ho acquistato da Bioalchemilla.

Vediamo insieme che cos’è nello specifico il sapone nero “Nero Lissia”:

Nero Lissia non è un semplice sapone, ma un prodotto cosmetico con una duplice azione (purificante e nutriente) ideale per il gommage di viso e corpo. Anche se per le sue origini sembrerebbe un prodotto povero, è in realtà ricchissimo di acidi grassi, sali minerali e vitamina A, E e D, alleati per la salute della pelle. Durante il tempo di posa, il sapone nero aggancia naturalmente (grazie al suo pH basico) il grasso cutaneo, le impurità e ammorbidisce lo strato di cellule morte dello strato superficiale cheratinizzato dell’epidermide preparando la pelle all’esfoliazione. Ciò permette di eliminare con delicatezza le impurità che occludono i pori, rendendo la pelle maggiormente ricettiva per i nutrienti presenti nel sapone stesso (acidi grassi, vitamine e sali minerali) o per trattamenti successivi (è consigliabile usare un olio per il corpo dopo il trattamento). L’effetto purificante è potenziato dall’uso di un guanto stimolante.

Nero Lissia è interamente vegetale, 100% biodegradabileQuesto sapone naturale per il trattamento del corpo è prodotto in maniera artigianale con gli stessi ritualistici gesti da generazioni. Il processo di produzione è rimasto invariato nei secoli così come i suoi tre semplici ingredienti miscelati con sapiente maestria: olio extravergine di oliva ottenuto da morchia e pasta di olive molto mature, acqua e liscivia da cenere.

Un processo produttivo secondo il ciclo della natura: un rituale tra storia, tradizione e innovazione

Il rituale di preparazione di “Nero Lissìa” segue i tempi delle lavorazioni contadine ancora vive all’interno dell’azienda agricola Arangara.

Occorrono circa 10 mesi di cura per ottenere una pasta cremosa dal colore scuro con riflessi ambrati e dal particolare profumo di oliva. Si inizia ad Aprile con la potatura degli agrumi per finire a Gennaio con il sapone pronto dopo una stagionatura di circa un mese.

Marzo/Aprile: si cominciano a mettere da parte due materie prime

  • Si ottiene la prima cenere dai ceppi di potatura degli agrumi e dell’alloro ricca di sali basici di potassio. La cenere cernita per eliminare tutto il carbone residuo e le impurità è conservata in un ambiente asciutto e privo di luce all’interno di sacchi di Juta grezza.
  • Olio d’oliva da morchia: l’olio EVO (extra vergine di oliva) appena franto, soprattutto se si utilizzano tecniche di molitura tradizionali, ha un aspetto torbido dovuto ai minuscoli pezzetti di olive (polpa e nocciolo) che vi sono sospese. Queste rappresentano una ricca riserva di odori e sapori e restituiscono all’olio in forma continua sostanze aromatiche presenti nel frutto originario. Man mano che il tempo passa, le parti del frutto rimaste scendono sul fondo e finiscono per imputridire, trasformandosi in “morchia”. In primavera e in autunno l’olio è travasato e filtrato per separare i fondi dal resto dell’olio ed evitare che il residuo organico (la morchia appunto) pregiudichi le qualità organolettiche dell’olio [riferimento INCI: OLEA EUROPAEA FRUJT OIL (OLIVE OIL)]

Ottobre: il periodo dell’Oro Nero

  • Pasta di olive nere mature: L’eccessiva maturazione delle olive determina un decadimento delle qualità organolettiche e nutrizionali ma rappresenta un notevole aumento delle qualità cosmetiche. L’olio contenuto nelle drupe è infatti formato da trigliceridi che, oltre un certo livello di maturazione della polpa, vengono degradati dagli enzimi cellulari provocando il distacco degli acidi grassi dal glicerolo. Queste olive nere sono “oro nero”, l’ingrediente fondamentale di Nero Lissìa e sono conservate in sacchi di juta grezza in un luogo fresco e asciutto.
  • Sono ottenute come scarto da un piccolo appezzamento della nostra azienda agricola in cui ci sono venti maestosi ulivi secolari della varietà Geracese di Calabria. Le olive sono raccolte ancora a mano con l’antica tecnica della brucatura che consente di effettuare una cernita delle drupe migliori scartando le altre troppo mature o intaccate ottenendo oli di qualità superiore e preservando l’integrità delle piante con la garanzia per l’anno successivo di una maggiore produzione di olive qualitativamente superiore.
  • Alle olive scartate nella raccolta manuale, si uniscono le olive cadute spontaneamente dagli ulivi frangivento di varietà Ottobratica, posti a protezione del nostro agrumeto, raccolte tramite reti e anch’esse non utilizzabili per produrre olio di oliva perché eccessivamente mature.
  • Cenere dai ceppi di potatura degli ulivi ricca di sali basici di potassio. È consuetudine, durante la racconta, procedere anche alla potatura degli ulivi. I ceppi di potatura vengono recuperati e bruciati per ottenete cenere che dopo essere stata cernita per eliminare tutto il carbone residuo è conservata in un ambiente asciutto e privo di luce all’interno di sacchi di juta grezza.
  • Olio di oliva da morchia: Prima della molitura dell’olio nuovo, occorre svuotare e pulire gli otri di acciaio nei quali è conservato l’olio di oliva. I fondi di olio d’oliva e morchia che si ottengono saranno utilizzati, come facevano i contadini, per la saponificazione [riferimento INCI: OLEA EUROPAEA FRUJT OIL (OLIVE OIL)].

Novembre: è il mese della produzione del sapone

  • Acqua di vegetazione (che dà il caratteristico colore nero ambrato): le olive nere “molto mature” dopo essere state lasciate in magazzino nei sacchi di juta per consentire la completa degradazione dei trigliceridi, sono macinate per ottenere una pasta di olive che è messa a macerare in acqua distillata. Di solito è utilizzata acqua piovana perché priva di sali minerali che potrebbero influenzare il prodotto finale. Infatti l’equilibrio e la replicabilità di questo processo produttivo, essendo basato su prodotti naturali, è esternamente fragile e bisogna porre attenzione ad ogni particolare. L’acqua di vegetazione ha un colore scuro, che può arrivare al nero, un odore tipico molto intenso e pungente e ha una elevata concentrazione di sostanze organiche solubili quali acidi grassi, zuccheri, pectine, grassi, sostanze azotate, poli-alcoli, poliacidi ed elementi minerali quali fosforo, potassio, magnesio e calcio. [riferimento INCI: ACQUA (WATER), OLEA EUROPAEA FRUJT EXTRACT].
  • Liscivia: La miscela di cenere ottenuta dai residui di potatura di ulivo, agrumi e alloro è messa a macerare in acqua piovana o distillata. Dopo una lunga bollitura, si lascia riposare fino a quando tutto il residuo si sarà depositato e successivamente verrà filtrata per ottenere la liscivia, una soluzione alcalina molto ricca di sali caustici come idrossido di potassio e idrossido di sodio. Si tratta di un detersivo naturale a bassissimo impatto ambientale che sin dai tempi dei Romani è utilizzato per la saponificazione [riferimento INCI: POTASSIUM HYDROXYDE, SODIUM HYDROXYDE].

Dai tre semplici ingredienti ottenuti in questi mesi (acqua di vegetazione, olio di oliva da morchia e liscivia), si ottiene, utilizzando la tecnica dalla saponificazione a caldo, una pasta della stessa consistenza della marmellata (tipica dell’uso della liscivia naturale), dal colore ambrato quasi nero e dal particolarissimo e pungente profumo di olio d’oliva.

Al termine della produzione, come vuole la tradizione viene aggiunto l’olio essenziale di eucalipto che aiuta ulteriormente a rilassare il corpo e procura benefici antisettici [riferimento INCI: EUCALYPTUS GLOBULUS LEAF OIL] oppure il rarissimo olio essenziale di artemisia [riferimento INCI:ARTEMISIA VULGARIS (HERB) OIL]

Il sapone nero così ottenuto viene confezionato in vaso ermetico e lasciato stagionare per circa 3 mesi in un luogo fresco, asciutto e protetto dalla luce.

Edizione in “SERIE LIMITATA”

Nero Lissìa è realizzato in una serie limitata. L’edizione 2016 è di soli 447 pezzi, Questo limite è imposto in primo luogo dalla limitata disponibilità della materia prima principale (le olive nere) che derivano esclusivamente dal ciclo produttivo delle nostre coltivazioni biologiche: i venti ulivi secolari varietà Geracese di Calabria e la siepe frangivento di ulivi varietà Ottobratica posta a protezione dell’agrumeto. Anche il processo produttivo volutamente artigianale non consente di aumentare oltre i quantitativi. Ogni produzione è diversa, figlia delle caratteristiche delle materie prime che la compongono, del clima e di tante altre variabili difficilmente standardizzabili per rifare il prodotto sempre uguale a se stesso. Ogni anno la produzione deve essere unica, fatta tutta insieme per ottenere un prodotto uniforme e con le caratteristiche desiderate.

BENEFICI E RISULTATI

Nero Lissìa permette alla pelle di respirare e ringiovanire seguendo il suo ciclo naturale di rinnovamento con effetti benefici sulla sua naturale morbidezza, contrastando acne, disidratazione, perdita di elasticità e tono. La pelle avrà un aspetto più tonico e luminoso, e risulterà liscia e setosa. L’uso regolare di Nero Lissìa, aiuta a prevenire i segni prematuri dell’invecchiamento mantenendo più a lungo le pelli giovani ed a correggere i primi inestetismi visibili nelle pelli mature contribuendo a ridurre la perdita di elasticità e densità cutanea.

MODALITÀ DI APPLICAZIONE

È consigliabile seguire il ciclo di rinnovamento dello strato corneo dell’epidermide facendo un trattamento ogni 3-4 settimane per liberare la pelle dalle cellule morte e dalle impurità accumulate. Il rituale di trattamento prevede:

  1. Favorire la dilatazione dei pori con il vapore di un bagno caldo o doccia calda.
  2. Prelevare Nero Lissìa a piccole quantità ed amalgamarlo sulle mani prima di applicarlo sulla pelle.
  3. Applicare Nero Lissìa(1) massaggiandolo su corpo e viso(2) lasciandolo agire minimo 3 minuti (pelli sensibili) massimo 5(3) affinché porti in superficie le cellule morte, agevolando così l’esfoliazione. Il sapone nero non fa schiuma o ne fa molto poca.
  4. Per il viso si consigliano tempi di posa più brevi: in caso di pelle normale o grassa risciacquare abbondantemente con acqua tiepida entro 2 minuti. In caso di pelle delicata e sensibile risciacquare abbondantemente con acqua tiepida entro 1 minuto.
  5. Rimuovere il sapone nero con il guanto esfoliante/stimolante (guanto stimolante esfoliante della linea Loofah oppure con un semplice guanto Kessa) con ampi massaggi circolari per asportare le cellule morte(4).
  6. Sciacquare abbondantemente con acqua tiepida e tamponare la pelle senza strofinare.
  7. Nutrire e idratare la pelle con un olio per il corpo.

AVVERTENZE e PRECAUZIONI D’USO

(a) La prima volta che si usa, per scongiurare possibili reazioni allergiche al prodotto, prima di utilizzarlo soprattutto sul viso, è sempre meglio testarlo sulla pelle all’interno del braccio.

(b) La pelle del viso può risultare particolarmente sensibile. Si consiglia una prova su una porzione localizzata per verificare l’assenza di eventuali reazioni (es. dietro l’orecchio). Applicare solo sulla zona T (naso, mento, fronte) nel rispetto assoluto dei tempi di posa indicati ed evitare in ogni caso le zone più sensibili del contorno occhi e labbra, in caso di contatto risciacquare abbondantemente.

(c) Il pH della pelle si attesta a valori fisiologici leggermente acidi, normalmente compresi tra 4,2 e 5,6, raramente si raggiungono valori tendenti alla neutralità. Il pH basico del sapone nero può risultare molto aggressivo per la pelle ed è consigliabile il rispetto assoluto dei tempi di posa.

(d) In caso di uso del guanto esfoliante si consiglia di procedere inizialmente con movimenti delicati evitando di strofinare troppo vigorosamente, se non nei punti di massima asperità come talloni, ginocchia, gomiti. Aumentare gradualmente la forza del massaggio.

MODALITÀ’ DI CONSERVAZIONE

Nero Lissìa è un prodotto naturale senza conservanti e con una parte organica molto ricca. Il suo confezionamento in vaso ermetico è necessario per evitare il contatto con l’aria che potrebbe attivare processi di ossigenazione (c.d. irrancidimento) del prodotto.

IL PRODOTTO SI CONSERVA: ben chiuso, al riparo dalla luce e dalle fonti di calore. PAO 12 mesi

INGREDIENTI: Olea Europaea fruit oli (Olive oil)(*)(a), Olea Europaea fruit exstract(*)(b), Aqua(b) (Water), Eucalyptus globulus leaf oil (*), Potassium hydroxide(c), Sodium hydroxide(c), Limonene(**)

* ingredienti provenienti dalle coltivazioni biologiche certificate dell’azienda agricola Arangara.

**allergeni naturalmente presenti negli olii essenziali.

(a) Olio di oliva da morchia biologico ottenuto dalla pulizia degli otri prima dell’introduzione dell’olio nuovo.

(b) Acqua di vegetazione dalla macerazione di pasta di olive nere mature ottenuta dalla macinatura delle drupe (polpa e nocciolo) macerata in acqua distillata (usualmente acqua piovana) e successivamente filtrata.

(c) Liscivia ottenuta dalla macerazione in acqua distillata e bollitura di ceneri di olivo, agrumi e alloro.

Spero di non avervi annoiate con tutta questa lunga spiegazione!!